SCAGIONATO MASSIMO DI CATALDO. STOP ALLA GOGNA MEDIATICA?

0

Pubblicato su Alganews

di Francesca Lagatta

Il cantautore Massimo Di Cataldo è stato assolto dalle accuse di aggressione alla ex fidanzata: la consulenza della Procura di Roma dichiara che non ci sono prove né di lesioni, né del procurato aborto. Così, finalmente, il cantante dice stop al periodo più buio della sua vita.

La donna, nel luglio scorso, aveva postato su facebook gli autoscatti che la ritraevano con il volto gonfio, tumefatto e sanguinante. Le immagini avevano fatto il giro del web, scatenando il putiferio mediatico e processuale che segue solitamente a casi come questi e come sempre la giuria popolare aveva già sentenziato: Massimo Di Cataldo è un mostro, sebbene, sprofondato in una brutta depressione, aveva comunque cercato di difendere la sua reputazione, mostrando alcune pagine di giornale che ritraevano la ex convivente, sorridente e senza segni sul volto, la sera stessa della presunta aggressione.

Lei, dal canto suo, aveva dichiarato di aver coperto i lividi con un’enorme quantità di cerone e di essersi mostrata sorridente nonostante il dolore di cui, aveva dichiarato, erano già a conoscenza anche i suoi amici.

Questa storia, però, sin dal principio aveva destato forti sospetti sulla veridicità. Gli internauti, tra le altre cose, avevano evidenziato due aspetti principali: una donna che subisce una simile violenza non la condivide su facebook, quanto meno non nell’immediato, non prima di averla metabolizzata; il secondo è  che, ammesso che si riescano a coprire tali segni di violenza con il cerone, non si riuscirebbero a coprire in nessun modo i lividi che si portano dentro. La foto invece, parlava di una donna ben vestita, truccata, con i capelli raccolti, mostrare sorridente all’obiettivo il calice di champagne in un party vip.

Non sarebbe certo questa la reazione, secondo il web, di una donna che due ore prima è stata violentata nell’anima e spogliata della sua dignità.