SESSO CON MINORI, IL WEB MIGLIOR ALLEATO DEI PEDOFILI

0
SESSO CON MINORI, IL WEB MIGLIOR ALLEATO DEI PEDOFILI

Pubblicato su Alganews

IL 38% DEGLI INTERVISTATI SI DICE TOLLERANTE AL SESSO CON MINORI

L’indagine Ipsos realizzata lo scorso gennaio in occasione del Safer Internet Day 2014 (la giornata di sensibilizzazione per un uso sicuro e corretto degli internauti), rivela dati sconcertanti proprio circa l’uso inappropriato che ne farebbero migliaia di adulti.

Quasi la metà delle persone intervistate racconta di essersi iscritto ai social network per fare nuove conoscenze o intraprendere nuove relazioni amorose e sessuali. La rivelazione shock è però che dall’indagine emerge un 38% di italiani tollerante al sesso con minori, mentre un terzo del campione confessa di tenere nelle proprie amicizie adolescenti che non conosce affatto. Emerge ancora che internet è ritenuto senza dubbio il mezzo più facile per adescare adolescenti e favorire gli incontri, il che non è certamente una buona notizia considerata la facilità con la quale persone di ogni età hanno libero accesso al web.

Insomma non stupisce che il fenomeno della pedofilia sia ritenuto largamente diffuso dall’81% dai 1001 intervistati di età compresa tra i 25 e i 65. Ma se tutto questo non vi sembra già allarmante di per sé, sappiate che un italiano su dieci afferma che la colpa di tale fenomeno sia da imputare proprio agli adolescenti, ritenuti responsabili di fare il “primo passo” verso il mondo degli adulti. In altre parole un italiano su dieci ha dichiarato che i potenziali pedofili siano istigati a intraprendere una relazione sessuale con un minore solo perché contatti nei famigerati social network.

L’indagine condotta per Save The Children, e voluta e istituita dalla Commissione Europea, mette in luce ancora una volta uno dei drammi peggiori della nostra società. Quello che fa più indignare è che ad oggi non è possibile né controllare, né ridurre tale fenomeno. A meno che i genitori facciano il loro dovere e controllino scrupolosamente le relazioni virtuali e pericolose dei propri figli.