L’ESTATE NON ARRIVA, L’EUROPA CENTRALE È SOTT’ACQUA.

0

Pubblicato su Alganews il 3 giugno 2013

Di Francesca Lagatta

I Negramaro, in una loro famosa canzone cantavano: “…un’estate che vorrei potesse non finire mai”. A noi, invece, basterebbe che cominciasse.

E’ inizio giugno e solitamente di questi tempi qualcuno è già abbronzato, gli ombrelloni colorano le nostre spiagge e l’afa comincia a farci sudare sette camicie. Quest’anno, invece, il sole sembra proprio che non voglia tornare a splendere e l’Italia e l’Europa devono far i conti con i danni provocati dal maltempo. Ma se in Italia i danni sono relegati alle produzioni agricole, nell’Europa centro orientale, si contano addirittura i morti.

Nella Repubblica Ceca, al momento, le vittime sono tre, così come i dispersi; gli ospedali della capitale, dove si registrano i maggiori disagi per lo straripamento del fiume Moldava, sono stati evacuati immediatamente e i mezzi pubblici sono bloccati.
Ma l’esondazione di altri due grandi fiumi, il Danubio e il Reno, hanno provocato danni in molti altri punti.

In Germania, complice l’affluente Inn, il centro storico di Passau è letteralmente sommerso dall’acqua. La situazione è diventata allarmante anche nei comuni di Chemnitz, Tubinga e Rosenheim. In quest’ultima, dove ancora non si registrano vittime, i militari si stanno adoperando per ritrovare due persone che al momento risultano disperse, così come in Austra, al confine, dove invece poco fa, è stato rinvenuto un cadavere. Frane e smottamenti hanno letteralmente paralizzato le arterie autostradali e ferroviarie.

E a giudicare dalle previsioni meteo, nelle prossime ore, il bilancio è destinato a salire.