LSU – LPU CALABRIA / Stop alla protesta, il Governo riaccende le speranze

0
LSU - LPU CALABRIA / Stop alla protesta, il governo riaccende le speranze

In serata la notizia della clausola “salva precari” mette fine ai disagi

Dopo il duro colpo incassato dal Senato, le 5mila famiglie di lavoratori socialmente utili, tirano un sospiro di sollievo. L’emendamento che avrebbe consentito la loro stabilizzazione lunedì è stato bocciato, ma ieri nel maxiemendamento sugli enti locali, ora sottoposto al giudizio della Camere, i deputati calabresi, pare facendo pressioni direttamente sul Presidente del Consiglio Matteo Renzi, hanno chiesto ed ottenuto l’inserimento di una clausola salva precari che, per il momento, dovrebbe scongiurare il rischio del blocco degli stipendi e che, contrariamente, dovrebbe garantirli fino a tutto il 2015. Anche se gli addetti ai lavori parlano di una manovra piuttosto difficile. 

L’azione è seguita alla clamorosa protesta si ieri messa in piedi da una folta delegazione di lavoratori supportata dalle maggiori sigle sindacali. Sin dalle prime ore della giornata, avevano bloccato gli imbarchi per la Sicilia a Villa San Giovanni  (RC) e occupato l’autostrada Sa-RC all’altezza dello svincolo per Cosenza, tra il km 245 e 259, inasprendo la protesta nel pomeriggio con l’occupazione dei binari della stazione ferroviaria della cittadina reggina. Non li avevano scoraggiati neppure le condizioni meteo proibitive, che hanno fatto registrare numerosi interventi del 118 a causa dei malori. 

Sui luoghi delle manifestazioni, presidiati costantemente dalle forze dell’ordine, era giunta il neo assessore regionale al Lavoro, Federica Roccisano, componente della giunta bis di Mario Oliverio, che, nonostante gli scontri verbali con i precari (come attesta un video pubblicato da Il Corriere della Calabria) e un’estenuante difesa in favore del PD, aveva immediatamente rassicurato i presenti sulle imminenti azioni politiche da intraprendere. In serata la notizia della proroga ha convinto i manifestanti a mettere fine alle proteste che, se i patti non verranno rispettati, saranno ancora più incisive, fanno sapere dai sindacati. 

Fonte foto: strettoweb.it