CIAO AYLAN

0
Ciao Aylan
*Nella foto Aylan e il fratellino in un momento felice (Fonte: dell’Huffington Post)

Caro Aylan,
dovrei chiederti perdono come essere umano ma l’ipocrisia non mi appartiene, perché passata la sindrome dell’indignazione alla Ponzio Pilato, tu sarai soltanto un’altra vittima dimenticata di questo mondo infame, beffardo, bastardo. Domani ci saranno altri morti da piangere. Per poco, si intende. E nel frattempo che continuiamo a indignarci, stanotte, domani, nessuno avrà fatto nulla per evitarli.

E’ da giorni che va avanti la tiritera del giusto o sbagliato per aver pubblicato le foto del tuo corpicino esanime. Che confusione, non sappiamo più nemmeno riconoscere il limite del pudore, non sappiamo più cosa vuol dire essere umani. Il poliziotto che ti ha sottratto ai flash è un eroe, però lo è pure chi ti ha sbattuto in prima pagina per un pugno di click e qualche copia di giornale. 

Caro Aylan, volevo solo dirti che il tuo sorriso era bellissimo, bellissimo per davvero, e vederti così, a pancia in giù, con la faccia nell’acqua, mi fa rivoltare lo stomaco di rabbia. E mi dispiace solo che per accorgersi della crudeltà di questo mondo bisogna imbattersi in quella immagine. Perché noi, cittadini colti di Paesi avanzati, non abbiamo ancora idea di cosa sia la disperazione a meno qualcuno non ce la mostri in tutta la sua crudezza.

Potresti essere mio figlio. Ah già, potevi esserlo. Non ci sei più. E non ci sono più neanche tua madre e tuo fratello. Non c’era spazio per voi in questo mondo, perché voi non pagavate le tasse. E chi paga le tasse si arroga il diritto di lasciarvi morire. Perché i soldi comprano il diritto alla vita, a volte, di sicuro comprano le armi per le guerre che vi distruggono le case e i sogni. E questi coglioni parlano, parlano. Sanno tutto loro, parlano di leggi, di asili, di religioni e di razze. Queste merde. Questi schifosi razzisti.

Che credo aveva il tuo sorriso, musulmano o cattolico? E il tuo cuore era rosso o blu? Questi egoisti e voyeuristi da strapazzo si sono indignati, prima vi scansano con i piedi quando vi incontrano per strada, gridano “noi con Salvini”, viva il duce, e poi con le lacrime agli occhi implorano pietà per chi ci rimette la pelle. Questi sono uomini capaci di cose che le bestie non penserebbero neppure. Se la centesima parte della gente che si sta battendo il petto si fosse resa disponibile a darti un abbraccio e un tetto a quest’ora saresti qui. Ipocriti di merda. Affetti dalla sindrome del “so tutto io” e non cambia mai un cazzo. Mondo di merda, governo di merda, cittadini di merda, Europa di merda.

Ti voglio ricordare così, con un sorriso, e immaginare che in questo momento tu sia in posto bellissimo e che ti stia facendo beffa di noi. Sperando che esista quel posto dove ognuno di noi può riavere indietro la dignità perduta in questo mondo schifoso.
Ciao Aylan.

 

“Ciao a Tutti, sono Daniele Musolino e sono un account manager del Gruppo Aura, un Excellent Partner di Vodafone. Il mio compito è aiutare le imprese e i liberi professionisti nella scelta dei prodotti e dei servizi telefonici più adatti alla loro attività, cercando di fare ottenere loro il maggior profitto dalla telefonia aziendale. Per saperne di più clicca qui”.