BAVAGLIO ALL'INFORMAZIONE/ Calabria, chiesti 5 milioni di euro al giornalista Adriano Mollo

0
BAVAGLIO ALL'INFORMAZIONE/ Calabria, chiesti 5 milioni di euro al giornalista Adriano Mollo

Il cronista è responsabile della politica regionale a “Il Quotidiano del Sud”

Che Adriano Mollo fosse un bravo giornalista lo si era certamente capito in tutti questi anni, ma che addirittura un solo articolo potesse arrivare a valere 5 milioni di euro, non ce lo saremmo mai aspettati. Eravamo abituati a cifre più modeste, come ad esempio i 500mila euro chiesti a Claudio Cordova dal Pm Gerardo Dominijanni (leggi: Il Pm Dominijanni chiede mezzo milione a Cordova), e questo, credo, debba essere motivo di fierezza e orgoglio per il cronista de Il Quotidiano del Sud. Soprattutto se la richiesta arriva dal gruppo iGreco, che con l’editoria, ultimamente, pare ci vada a nozze.

Ora, in questa circostanza, importa poco capire chi sia il gruppo di imprenditori cosentini e come abbia fatto a costruire un impero economico costituito da una moltitudine di cliniche private rilevate, e importa ancora meno perché nell’era dei tagli alla sanità ad ogni costo un decreto pare abbia permesso a tre delle loro strutture di aumentare, nel luglio scorso, il budget aziendale. Quello che però risulta incomprensibile, nonostante gli sforzi, è questa nuova forma di intimidazione nei confronti dell’informazione e dei giornalisti. Ancora una volta sotto forma di risarcimento milionario. Forse perché i quereleanti sperano che la pressione psicologica, al di là delle sentenze, diventi già una condanna a sé.

Quello che non sanno, invece, è che a volte diventa uno stimolo per la ricerca serrata delle verità nascoste.

Ecco l’articolo a firma di Adriano Mollo che ha scatenato le ire degli iGreco:Cosenza, soldi pubblici alle cliniche dei Greco. Ma il commissario Scura non spiega i criteri