UFO nei cieli di Praia a Mare (Cs), il Centro Ufologico Mediterraneo pubblica i video degli avvistamenti

0
UFO nei cieli di Praia a Mare (Cs), il Centro Ufologico Mediterraneo pubblica i video degli avvistamenti

Pubblicato sul sito del C.Ufo.M – Centro Ufologico Mediterraneo

Da La Spia Press: “Ecco l’inchiesta integrale pubblicata dal CUFOM, Centro Ufologico Mediterraneo e realizzata dalla giornalista calabrese Francesca Lagatta, che, all’indomani del primo avvistamento, pubblicò la notizia in esclusiva sul nostro giornale La Spia Press”.

NUOVO CUFOM: STRAORDINARI AVVISTAMENTI A PRAIA A MARE. VIDEO!

UFO CALABRIA IMMAGINE 3NUOVO CUFOM: STRAORDINARI AVVISTAMENTI A PRAIA A MARE. Avvistamento O.V.N.I. in Calabria – Analisi a cura del C.UFO.M. Gli avvistamenti che vi presentiamo hanno avuto luogo in Calabria, nello specifico a Praia a Mare (CS) il 26/01, il 01/02 ed il 13/03 2016 e il 04/02 c.a. ed hanno come protagoniste la giornalista freelance Francesca Lagatta ed un’altra donna che ha preferito restare anonima. Vale la pena seguirci con attenzione, anche perchè di questo avvistamento parleremo all’imminente convegno di Pomezia di domenica 10 aprile 2016 all’hotel Simon con ingresso gratuito. I particolari li vedete in fondo a quest’articolo. Ospiti straordinari su tutti Pierfortunato Zanfretta uno dei più conosciuti rapiti dagli alieni al mondo.

CUFOM: STRAORDINARI AVVISTAMENTI A PRAIA A MARE. DESCRIZIONE DEGLI OGGETTI

Abbiamo analizzato in totale 20 files video ricevuti dalle testimoni, che sono stati ripresi tutti con la stessa videocamera, una Canon Legria FS406, e risultano non manipolati in alcun modo. Purtroppo i files riguardanti l’avvistamento del 13 marzo 2016 non mostrano le immagini degli O.V.N.I., sono stati visti ad occhio nudo dalle testimoni, ma la videocamera non ha registrato gli oggetti. Le condizioni meteo erano le stesse in tutti i filmati, il cielo sereno e stellato, la temperatura abbastanza bassa e il vento lieve, ciò ci ha permesso di constatare che gli oggetti non emettevano alcun tipo di rumore, eccezion fatta per alcuni momenti nei quali, in concomitanza dello zoom sull’oggetto, si sente un rumore innaturale e ben distinto dai rumori ambientali che stiamo tentando di isolare tramite software. Abbiamo intanto escluso,grazie a vari test, che questo tipo di rumori fosse originato dalla videocamera.

UFO CALABRIA IMMAGINE 2

Nelle considerazioni che seguono si dovranno tenere in debita considerazione gli effetti distorsivi causati dal movimento degli oggetti volanti non identificati, ma anche del movimento del braccio di colei che ha girato i video. In merito a quest’ultimo punto, ad un certo momento la testimone Francesca ha avuto l’ottima intuizione di appoggiarsi con i gomiti sulla propria auto per tenere ferma l’inquadratura. Nei video è possibile apprezzare la presenza di due O.V.N.I. differenti, uno dei quali sembra sferico. A seguito di un’analisi approfondita sullo zoom dei singoli fotogrammi sembra essere in realtà un disco, circondato da una massa di forma toroidale, di consistenza e colorazione variabile,in continua rotazione rispetto all’asse verticale dell’oggetto; ciò che inizialmente sembrava una sfera è in realtà un disco.

UFO CALABRIA IMMAGINE 4

Il secondo tipo di O.V.N.I. è dall’apparente forma discoidale, presenta ad occhio nudo 5 luci  sferiche, che si muovono in modo coordinato.A seguito dell’analisi sui singoli fotogrammi,quelle che sembravano essere cinque luci separate, in realtà appartengono ad un unico corpo dalla forma semicircolare, tagliata di netto sulla parte posteriore.L’O.V.N.I.sembra presentare al centro della parte superiore una sorta di apertura a cupola, che ha un colore differente rispetto al corpo dell’oggetto, e sulla parte inferiore una luce intermittente, posizionata in posizione presumibilmente centrale.

ImmagineQui sopra bellissima composizione di immagini. Indubbiamente un avvistamento ufo di grande valore.

Abbiamo inoltre verificato le differenze tra una comune  stella (immagine a sinistra) e l’O.V.N.I. sferico (immagine a destra) ed il risultato parla da solo. Lo potete anche apprezzare nel videotrailer qui in alto in collegamento diretto col nostro canale youtube CUFOMTV (ne abbiamo un altro che si chiama CUFOMCHANNEL. In tutto centinaia di video che vi consigliamo di andare a vederer. Tutti di ottima qualità ed importanti).

CUFOM: STRAORDINARI AVVISTAMENTI A PRAIA A MARE. TIPI DI MOVIMENTO.

 L’O.V.N.I. sferico appare in tutti gli avvistamenti, si muove in modo fluido in tutte le direzioni, riesce a tenere l’assetto di volo stazionario, e può passare da questo stato a muoversi a velocità elevatissime in modo pressocchè istantaneo.Nei filmati è stato possibile apprezzare una virata a 180°, una “U” perfetta, susseguita da una virata a 90° nell’arco di 0,5 secondi.(Immagine a destra). Ci sentiamo di escludere effetti dovuti al movimento della mano dell’operatrice. Durante i movimenti l’oggetto è seguito in modo coerente da una scia bianca con un alone blu, che si interrompe solo nelle fasi di volo stazionario.

UFO CALABRIA IMMAGINE 5

Il secondo O.V.N.I.(immagine a destra), presente solo nell’avvistamento del 4 febbraio, si differenzia dal primo tipo per forma e dimensioni, è più grande e più lento. Nei suoi movimenti a dir poco inusuali sono evidenti molteplici cambi repentini di quota, nonostante l’oggetto non cambi l’inclinazione in modo significativo; è inoltre evidente il movimento rotativo sull’asse verticale che accompagna la sparizione dell’oggetto. 

CUFOM: STRAORDINARI AVVISTAMENTI A PRAIA A MARE. CONCLUSIONI.

La totale assenza di superficie alare, di flap, di appendici aerodinamiche, di eliche ci suggerisce in modo eloquente che questi velivoli non seguano in alcun modo i principi del volo aerodinamico, costituendo di fatto un fenomeno tecnologico e scientifico molto avanzato, che non somiglia a nessuna tecnologia a noi nota. Escludiamo ovviamente che il fenomeno fosse dovuto ad astri, velivoli umani o fenomeni naturali conosciuti. Qualche componente del nostro Centro Ufologico ha avanzato la possibilità che si trattasse di un fenomeno elettrico/elettromagnetico, secondo lui dovuto ad alcuni cavi elettrici che si vedono nel campo visivo. Non lo escludiamo ma non è provato. Tale ipotesi inoltre mal si concilierebbe con le dichiarazioni di Francesca. Dalla valutazione complessiva e considerando i diversi punti in cui è stato ripreso l’oggetto volante non identificato possiamo ragionevolmente ritenere che trattasi proprio di ufo. Dalle indagini possiamo anche ritenere insussistente un qualche fenomeno dovuto ad eventuali gas sprigionatisi nell’atmosfera,

UFO CALABRIA IMMAGINE 1

A dare conferma della stranezza dei fatti, la videocamera utilizzata, nuova e sempre la stessa, si citano le anomalie di funzionamento della stessa. Infatti in alcuni frangenti delle riprese degli ufo, zoomava da sola ed addirittura letteralmente si bloccava.L’apparecchio da ripresa, come confermato da Francesca stessa, ha sempre funzionato molto bene sia prima che dopo gli eventi ufologici calabresi. Aggiungiamo ancora che sono accaduti fenomeni inspiegabili come la scomparsa di alcuni video dai computer (ed addirittura delle stesse e mail di trasmissione a questo Centro Ufologico) del C.UFO.M. e della giornalista-testimone Francesca Lagatta regolarmente registrati dalla videocamera. Fortunatamente abbiamo provveduto, come sempre, a salvare su più supporti i video stessi per cuiin fin dei conti i problemi sono stati relativi. 

CUFOM: STRAORDINARI AVVISTAMENTI A PRAIA A MARE. SCONCERTANTI COINCIDENZE E CONFERME.

Nel giorno successivo al secondo avvistamento, il 2 febbraio 2016, alcuni testimoni hanno riferito di un velivolo precipitato tra Santa Domenica Talao (Cs) e San Nicola Arcella (Cs). I soccorsi, attivati dai testimoni e dalla ricezione di una comunicazione incomprensibile nell’aviosuperficie di Scalea (Cs), sono prontamente intervenuti (Elisoccorso 118 e Vigili del Fuoco) ma non hanno rinvenuto alcun tipo di rottame, solo un incendio di origine ignota.In un primo momento si era parlato della presunta caduta di un superleggero appena decollato, ma nelle ore successive all’accaduto, l’ENAV, ha smentito seccamente la presenza di velivoli in zona nel momento dell’incidente.
fumo-nero-640x254E’ stata inoltre comunicata l’assenza di denunce di velivoli scomparsi.Tirando le somme di questo “incidente” abbiamo da una parte i testimoni che riferiscono di un velivolo precipitato, e dall’altra l’ENAV, che ne smentisce la presenza. Ciò che rimane è un incendio in pieno inverno di origine ignota ed una strana coincidenza con la data dell’avvistamento. Infine, in merito a questo fenomeno stiamo svolgendo accertamenti per stabilire se potesse trattarsi di una qualche meteora o altro fenomeno. Vi terremo aggiornati.
(Fonti: TGCOM24, L’Ametino, ReteTre.TV, Si24.IT, MeteoWeb)

N.B. Questo articolo probabilmente sarà soggetto ad alcuni aggiornamenti con il passare delle ore o dei giorni.