Santa Domenica Talao | Comunità di recupero cura tossicodipendenti con Scientology?

0
Santa Domenica Talao | Comunità di recupero cura tossicodipendenti con Scientology?

(Fonte foto narcononalbatros.com)

Pubblicato su Cronache delle Calabrie

di Francesca Lagatta

La costruzione della struttura sita in località Guarniero a Santa Domenica Talao (CS), è stata autorizzata dal D.M. Salute del 27 giugno 1996 (ex Art.20) e per realizzarla sono stati stanziati € 516.458,00. Ma quello che doveva diventare un centro per anziani, per anni è rimasta una delle tante opere pubbliche incompiute.

Così, 9 anni fa, un’equipe di volontari ha impiegato quei locali per aprirci una nuova sede dei centri onlus Narconon, la comunità di disintossicazione da alcool e droghe che opera nella regione sin dal 1992. L’Albatros di Santa Domenica attualmente segue 8 ragazzi ma, negli ultimi tempi, le attività riabilitative sarebbero state oggetto di attenzione da parte di alcuni dirigenti dell’Asp cosentina, i quali avrebbero messo in discussione l’efficacia dei metodi adottati, segnalandoli anche ai vertici dell’Azienda Sanitaria. Il sospetto è che i percorsi di recupero si svolgerebbero secondo i criteri indicati dalla dottrina di Scientology, la controversa filosofia religiosa che raccoglie proseliti nel mondo dal 1954.

Il vicepresidente della struttura, Michele De Santis, respinge però ogni sorta di illazione. I ragazzi vengono seguiti esclusivamente da medici e personale “professionalmente addestrato”, come si legge nel sito e, oltretutto, nessuna delle persone coinvolte nel progetto è un adepto di Scientology. «I ragazzi – precisa ancora De Santis- studiano su alcuni testi ispirati a molti manuali scritti da Ron Hubbard (scrittore e fondatore del movimento) che, già 60 anni fa, aveva sperimentato come la forza della mente riuscisse a comandare e tenere sotto controllo il corpo anche in situazioni estreme come le crisi d’astinenza».

Effettivamente, nel 1950 Hubbard pubblica “Dianetics: la forza del pensiero sul corpo”, considerato il preludio della dottrina filosofica-religiosa di Scientology, ma le tesi esposte nell’opera, oggi come allora, sono considerate pseudoscienza e non trovano alcun riscontro nella comunità scientifica. Pertanto, nei mesi scorsi più di un dirigente ha inoltrato lettere e segnalazioni sull’uso dei metodi alternativi alla medicina classica. Senza che la struttura subisse mai il controllo o l’intervento dell’azienda cui fa capo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Cronache delle Calabrie