Verbicaro, il duro sfogo del consigliere di minoranza Giuseppe De Luca in una lettera pubblica

0
Verbicaro, il duro sfogo del consigliere di minoranza Giuseppe De Luca in una lettera pubblica

(Nella foto, il sindaco di Verbicaro Francesco Silvestri, fonte foto: dal web)
In relazione alla vicenda sulla presunta incompatibilità contestata dall’amministrazione comunale verbicarese al consigliere di minoranza Giuseppe De Luca, dove noi ci eravamo già occupati con gli articoli “Verbicaro , il consiglio comunale vuole espellere De Luca per colpa dei debiti, ma qual è la vera ragione?” e Verbicaro, il sindaco insiste: ‘De Luca deve andare via’. Ma un documento potrebbe smentirlo“, oggi è arrivata la difesa personale del diretto interessato che ha affidato a una lettera inviata agli organi di stampa e indirizzata a al sindaco di Verbicaro Francesco Silvestri, al segretario comunale e ai consiglieri comunali tutti. 
Di seguito il testo integrale:
“Oggetto: Contestazione causa di incompatibilità. Delibera consiglio comunale n. 6 del 19/04/2017 notificata in data 17/04/17.
Io sottoscritto Giuseppe De Luca da Verbicaro, Consigliere Comunale di minoranza, in seguito alla notifica della delibera in oggetto vengo ad evidenziare quanto segue: dopo l’adozione della delibera da parte del Consiglio Comunale – la n. 5 del 27/03/2017 – formulavo le dovute osservazioni in ordine alle “cause di incompatibilità che mi venivano contestate”.
Con delibera n. 6 del 19/04/2017, pubblicata in data 27/04/2017, il Consiglio Comunale, ovvero la maggioranza, accoglieva in parte le mie osservazioni ma proponeva comunque di deliberare e di contestare in via definitiva nei miei confronti una causa di incompatibilità ai sensi dell’art. 63 co.1 del D.lgs. 267/2000 in ordine alla lite pendente tra il sottoscritto e il Comune per l’esistenza di un procedimento civile presso il Tribunale di Paola il cui atto introduttivo è stato notificato dall’Ente nei miei confronti.
Nella delibera mi viene assegnato il termine di 10 giorni dalla notifica per rimuovere la causa di incompatibilità.
Nella citata delibera si specifica inoltre che ” qualora il consigliere non provvederà a quanto previsto dal precedente punto 3, giusta previsione dell’art. 69 del D.lgs. 267/2000, il Consiglio lo dichiarerà decaduto con altra deliberazione che dovrà essere entro il giorno successivo depositata in segreteria del Comune e notificata nei successivi 5 giorni al consigliere comunale decaduto”.
La delibera sopra citata, è contraddittoria.
Ed infatti essendo stato il ricorso per cui è causa civile davanti al Tribunale di Paola, con udienza fissata per il mese di ottobre del corrente anno, azionato dal Comune di Verbicaro nei miei confronti, ( tra l’altro ad oggi non mi sono costituto), non si comprende come “potrei rimuovere la contestata causa di incompatibilità” non rientrando nel mio potere la possibilità di rinunciare all’azione esperita, spettando tale decisione all’Ente che ha azionato il giudizio.
Evidenzio inoltre che pur nell’ipotesi in cui ” venissi a versare l’importo richiesto dall’ente”, comunque tanto non eliminerebbe la pendenza del giudizio rimanendo esso ancorato alla decisione dell’ente che è l’unica parte legittimata, a rinunciare all’azione.
Pertanto chiedo all’ente di specificare cosa si intende per rimuovere la causa di incompatibilità.
E come mi ” suggerisce di rimuoverla”.
Detto tanto penso che la volontà dell’ente è quella di escludermi dal Consiglio sol in quanto ho più volte denunciato ” errori amministrativi”.
A tanto aggiungo che a Verbicaro ormai da tempo è in voga escludere dalle competizioni elettorali o da cariche elettive chi è scomodo.
La vicenda della Banca di Credito Cooperativo con l’esclusione prima dell’amico Arturo Riccetti, poi dei consiglieri Silvestri Giuseppe e Battista Pignataro è l’emblema di come chi amministra il potere – a Verbicaro – pretende di ” usarlo”.
Verbicaro una volta era un paese che veniva preso ad esempio.
Dove la democrazia era l’essenza.
Caro Sindaco, fatti un esame di coscienza.
Potrai anche cacciarmi dal Consiglio, ma hai già perso.
Verbicaro e i Verbicaresi ormai hanno capito di che pasta sei.
Tu, la Tua giunta e i Tuoi consiglieri.
Siete forti con deboli e deboli con i forti.
Ma un giorno non molto lontano tutto questo finirà.
Si terranno nuove elezioni e il POPOLO…… ti darà la LEZIONE CHE MERITI.
Distinti saluti .
Giuseppe De Luca,
Consigliere di minoranza Comune di Verbicaro”