Primarie Pd, l'elenco delle preferenze della provincia di Cosenza città per città

0
Primarie Pd, l'elenco delle preferenze della provincia di Cosenza città per città

(Fonte foto: dal web)
Chi in queste ore nel Pd si lascia andare a facili trionfalismi, mente sapendo di mentire. Ieri alle urne del Pd si è recato un terzo in meno dei votanti rispetto a quelli del 2013, che in numeri sono quasi un milione di preferenze perse lungo la strada dei tre anni di governo. Molti di più se si tiene conto a partire dai dati del 2005. Ecco la tabella che circola in internet in queste ore, con la quale si ha maggiore percezione dell’andamento delle preferenze degli ultimi anni:

Ma anche chi aveva previsto urne completamente deserte, è stato smentito dal dato ufficiale dell’affluenza che parla di 1.848.658 elettori. L’unico a poter parlare senza indugi di vittoria è l’ex presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi che, proprio come si pronosticava ampiamente alla vigilia, ha portato a casa un risultato schiacciante, attestato sul 70%, lasciando quasi a bocca asciutta i concorrenti di partito, il ministro della Giustizia Andrea Orlando che si è fermato al 19,5% e il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che strappa un risicato al 10,49%. Ma anche per il due volte segretario del Partito Democratico c’è una nota dolente: è passato da 1.895.000 del 2013 a 1.282.000, cioè 613.000, che in percentuale corrisponde  il 32% in meno.
In Calabria, governata dal Pd di Oliverio, tutto sommato Renzi ottiene un buon risultato, aggiudicandosi 33.356 voti, ma la percentuale è inferiore rispetto alla media nazionale: nella terra dei Bruzi si ferma al 62, 18%. A Orlando vanno il 27,06% delle preferenze, mentre a Emiliano il 10,09%.
Tuttavia, nonostante le impennate nelle roccaforti degli esponenti più influenti del pd calabrese, in molti paesi si sono registrati numeri di affluenza piuttosto esigui. Di seguito, l’elenco che indica le preferenze città per città.
 

Scarica il documento il Pdf