Cronache delle Calabrie, Armentano invia una lettera: 'Non sono un mostro, sto lavorando per darvi ciò che vi spetta'. Il testo intgrale

0
«A chi di voi voglia dare notizie alla stampa (per carità è un vostro diritto, oltre che la vostra professione) prego di essere preciso e non ipotetico, diventerei un mostro e non me lo merito».
Finisce così una mail giunta ai nostri indirizzi di posta da parte dell’editore Francesco Armentano in merito alla vicenda della chiusura del giornale regionale Cronache delle Calabrie (clicca qui per leggere la storia).
A tal proposito, per evitare inutili strumentalizzazioni e inutili polemiche, riporteremo fedelmente il testo della missiva, senza cambiare neppure una virgola:
«Ovviamente è cominciato ciò che mi aspettavo; i giornali on line sono partiti all’attacco, normale. Colgo l’occasione per scusarmi dell’errore di battitura (top press invece di topress), una sola delle lettere riportava il refuso e puntualmente è stata passata alla stampa con tanto di supposizioni complottistiche e truffaldine, poco importa.
I licenziamenti erano a questo punto inevitabili, avrei inutilmente indebitato ulteriormente la società nei confronti degli enti retributivi previdenziali  danneggiando me e di conseguenza i dipendenti, che averebbero visto ancora più a rischio la debole possibilità di rientrare del pregresso maturato.
Detto questo poco è cambiato, il fine ultimo che mi sono prefisso è quello di cedere la società o la testata, e solo passando attraverso la soddisfazione di quello che ognuno di voi giustamente vanta.
Anche oggi sto lavorando alla chiusura della trattativa mettendo sul tavolo come prima ed ineludibile istanza la soddisfazione di quanto a voi dovuto, sarà mia cura darvi immediata informazione su tutti gli sviluppi.
Colgo l’occasione per ringraziare tutti, qualche errore è stato commesso, ma tutti spero ammettiate che da parte mia nessun comportamento lesivo delle vostre professionalità e soprattutto della vostra dignità è stato posto in essere. Sono ottimista di natura, vedrete tutto evolverà al meglio. Auguri!!!»
Francesco Armentano
Amministratore Unico