Praia a Mare (Cs) | Ecco cos'è lo strano fenomeno della spiaggia di Fiuzzi

0
Praia a Mare (Cs) | Ecco cos'è lo strano fenomeno della spiaggia di Fiuzzi

(Fonte foto: Italia Nostra)
Qualche giorno fa cittadini e turisti si erano preoccupati per un fenomeno a dir poco strano, una specie di spaccatura in un punto della spiaggia di Fiuzzi, sulla battigia, la cui soluzione era diventata un vero e proprio grattacapo. A render tutto ancora più inusuale ci si era messo un video in cui sembrava che l’acqua a contatto con la sabbia ribollisse. Così erano partite le teorie più disparate, dalle colate di cemento usurate dal mare alla solidificazione della sabbia per colpa degli incendi, passando per una violenta corrente di risacca.
Subito era intervenuta Italia Nostra, l’associazione ambientalista del posto che aveva subito parlato di formazioni geologiche molto antiche, ipotizzando resti fossili di una spiaggia o di un sistema dunale preesistente formatosi in epoche remote quando il mare era più arretarato. Ma per capire realmente di cosa si trattasse, è stato chiesto un sopralluogo agli esperti dell’Università della Calabria.
Questo il verdetto:
“NON E’ CEMENTO – Italia Nostra ha interessato l’Università della Calabria per quanto affiora sulla spiaggia in località Fiuzzi. Il prof. Gaetano Robustelli del Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienza della terra, dopo aver visionato il materiale inviato ci ha comunicato che le immagini evidenziano la presenza di una formazione sedimentaria costiera cementata nota in letteratura come “beachrock”. Si tratta di sedimenti di spiaggia litificati da processi di cementazione precoce. La zona di sviluppo della beachrock è solitamente quella intertidale, cioè il settore di spiaggia compreso tra la linea di bassa e alta marea.

La litificazione è determinata dall’attività biologica e dalle caratteristiche chimiche delle acque del mare e delle acque dolci che si miscelano nei pressi della spiaggia. Gli esperimenti sul campo e le osservazioni lungo le coste suggeriscono che la cementazione può avvenire in pochi decenni, in funzione della morfologia della spiaggia e dei processi di sedimentazione.

Lo studio di queste formazioni può fornire, insieme ad altri dati, indicazioni sull’evoluzione della linea di costa”.
Le foto sono di Italia Nostra



Clicca qui per seguire la pagina facebook La Lince e rimanere sempre aggiornato