Inquinamento del canale Fiumarella di Praia a Mare, il dossier di Italia Nostra

0
Inquinamento del canale Fiumarella di Praia a Mare, il dossier di Italia Nostra

Praia a Mare Canale Fiumarella : il corso d’acqua inquinato che rende impossibile la balneazione
 
Un caso forse unico in Calabria, un corso d’acqua fortemente inquinato denominato Canale Fiumarella che scorre verticalmente al centro del paese e che rende non balneabile un vastissimo tratto di spiaggia con presenza di lidi ed alberghi. Gli interventi effettuati per eliminare le fonti di inquinamento si sono dimostrati inefficaci. Anzi la situazione rispetto al 2016 è peggiorata e forse un nuovo tratto di mare verrà dichiarato non balneabile. Italia Nostra in una manifestazione tenutasi sul Viale della Libertà domenica 5 novembre ha diffuso un dettagliato rapporto sulla situazione dell’inquinamento del Canale con la pubblicazione di tutte le risultanze delle analisi condotte in questi mesi dall’ARPACAL sia sulle acque del mare che su quelle della Fiumarella.
 
ANALISI DELL’ INQUINAMENTO BIOLOGICO DELLA FIUMARELLA DI PRAIA A MARE E DELLO SPECCHIO D’ACQUA ANTISTANTE LO SBOCCO IN MARE DURANTE LA STAGIONE ESTIVA 2017
 

PREMESSE

 Essendo ormai chiusa la stagione estiva, pensiamo sia giunto il momento di riprendere con rinnovata attenzione il filo delle motivazioni e degli scopi che già portarono alla stesura del primo documento pubblicato, sullo stesso argomento, dalla Sezione Alto Tirreno Cosentino di “Italia Nostra”, nello stesso periodo dell’anno scorso.
Ciò, considerando anche il fatto che, non da molto, sono stati resi disponibili dall’ARPACAL i dati più recenti riferiti ai profili d’inquinamento provocati dal “Canale Fiumarella”, evidenziatisi fino al mese di settembre del corrente anno 2017.
E questo, non solo per attualizzarli, com’è importante ovviamente fare per seguire gli sviluppi di un fenomeno rilevante per la comunità umana e per l’ambiente naturale, in generale, di Praia e dei praiesi, ma anche per sviluppare qualche considerazione più specifica che gli stessi dati suggeriscono alla luce dei lavori di risanamento che sono stati eseguiti, finora, in corso d’anno.
Pur senza essere specificamente informati su tali lavori se non per le delibere adottate dal Comune di Praia a Mare, ci sembrerebbe si tratti di un primo, forse ancora incompleto, tentativo di approccio ad un problema piuttosto serio, affidato ad una “tranche” iniziale di lavori di ispezione e controllo sul primo tratto coperto della Fiumarella, che si è fermata ad un certo punto, in attesa ancora di riprendere con delle modalità che, dalla nostra prospettiva di semplici osservatori, ci sono del tutto ignote, anche se è facile dire che esse si presentano, almeno a prima vista, molto problematiche.
I lavori avrebbero inciso, ci pare, soprattutto nel tratto compreso tra la linea ferroviaria e piazza Italia, sul cui margine orientale per adesso si sono arrestati, frenando anche il proposito di rendere al più presto e di nuovo adatto ai bagni lo specchio d’acqua antistante lo sbocco della “Fiumarella” in mare, proprio perché dai dati disponibili non solo non appare ancora alcun risultato tangibile, ma anzi, stando proprio a questi, il fenomeno inquinante appare ulteriormente peggiorato, ed anche in modo consistente.
Il “Canale Fiumarella”, una volta semplicemente e familiarmente chiamato “Fiumarello”, o, forse meglio, “Fiumerello”, è il piccolo, breve, corso d’acqua, notissimo ai praiesi, ma probabilmente ignoto ai più, e pertanto è chiaro che quello che diciamo su di esso, è rivolto soprattutto a coloro che non lo conoscono molto, visto che il presente documento non riguarda solo i praiesi.
Questo piccolo corso d’acqua nasce ad alcune centinaia di metri dal mare, dopo il primo abitato cittadino e subito alle spalle della linea ferroviaria, e poi percorre tutto l’asse trasversale dell’abitato, attraversandolo da est a ovest, versandosi in mare nel tratto di spiaggia prospiciente piazza Italia.
Al presente, bisogna ricordare, la zona che, a causa dell’inquinamento del piccolo corso d’acqua, è stata vietata ai bagni ormai da tempo, risulta assai ampia (si tratterebbe, se le norme correnti venissero tutte applicate alla lettera, almeno di molte centinaia di metri di spiaggia), estendendosi sia a sinistra che a destra dello sbocco.
Ma, quel che più conta è dato soprattutto dal fatto che questo segmento di spiaggia che è stato interdetto, è anche quello immediatamente più vicino alla parte più centrale di Praia, cioè proprio a quella stessa Piazza Italia che, con un percorso che è stato ormai coperto da molti anni per far posto alle sistemazioni urbanistico/architettoniche più recenti, viene attraversata “sottotraccia”, sul suo versante più meridionale, dal piccolo fiume, laddove piazza Italia, come tutti sappiamo, è il vertice identitario e il principale punto di riferimento della vita cittadina praiese.
Essa, soprattutto durante i mesi estivi, è il luogo più frequentato da tutti coloro che abitano o soggiornano a Praia ed ospita manifestazioni culturali e ricreative, oltre ad essere assai popolata ogni giorno a causa dei numerosi locali e negozi.
Stiamo dicendo questo, solo per chiarire quale sia anche la portata del danno economico e d’immagine per una località come la nostra, che dovrebbe fare dell’integrità, della salubrità e della bellezza dell’ambiente il suo autentico “cavallo di battaglia”.
Cionondimeno, come accennavamo, i dati ufficiali pubblicati dall’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Calabria (ARPACAL), il cui intervento fu sollecitato a suo tempo proprio da “Italia Nostra”, non depongono affatto bene nemmeno quest’anno, anzi dimostrano che il fenomeno dell’inquinamento biologico a carico del corso d’acqua, soprattutto a causa del suo andamento nel settore a destra dello sbocco, ha fatto registrare un vistoso aggravamento dei valori rispetto a quelli dell’anno passato, ed è, comunque, complessivamente peggiorato, così come confermano anche gli aumenti che si registrano nel settore posto a sinistra dello stesso.
Poiché non è possibile la comprensione del fenomeno se non considerando le sue diverse rappresentazioni grafiche, ed osservando anche le tabelle che riportano i dati dei vari prelievi effettuati, rispettivamente, sui due lati dello sbocco in mare del corso d’acqua durante i mesi da aprile a settembre del corrente anno 2017 e durante gli stessi mesi dello scorso anno 2016, riportiamo qui sotto quanto soprattutto ci interessa considerare.
 

Settore 50 mt. Sinistra Canale Fiumarella, confronto dei due grafici che registrano l’andamento del fenomeno, da riferire rispettivamente, il primo, all’anno 2016, ed il secondo all’anno 2017.

Confronto tra le due tabelle che riportano i dati analitici riferiti al fenomeno, relativi allo stesso settore di sinistra e agli stessi periodi già indicati, per mezzo dei quali sono stati costruiti i grafici sopra riportati.



 

Settore 50 mt. Destra Canale Fiumarella, confronto dei due grafici che registrano l’andamento del fenomeno, da riferire rispettivamente, il primo, all’anno 2016, ed il secondo all’anno 2017.

 

 

Confronto tra le due tabelle che riportano i dati analitici riferiti al fenomeno, relativi allo stesso settore di destra e agli stessi periodi già indicati, per mezzo dei quali sono stati costruiti i grafici sopra riportati.



 

Tabella supplementare che riporta i dati comunicatici dall’ARPACAL, che si riferiscono, questa volta, alla concentrazione dei batteri rilevata lungo il corso d’acqua della Fiumarella ed in prossimità del suo sbocco in mare, e non nello specchio d’acqua antistante ad esso.

Luogo prelievo Data prelievo Escherichia coli Enterococchi
Canale Fiumarella 26/4/2017 270 50
Canale Fiumarella 9/5/2017 800 130
Foce Fiumarella 6/6/2017 550  
Foce Fiumarella 19/7/2017 1.000 8.800
Foce Fiumarella 31/7/2017 13.000 530
Foce Fiumarella 26/9/2017 260 370

 
I dati riportati in quest’ultima tabella sono da considerarsi aggiuntivi e complementari rispetto a quelli presentati nelle tabelle precedenti.
Essi, si ribadisce, non derivano dai prelievi di acqua di mare effettuati alla distanza di 50 metri a destra o a sinistra dalla foce del piccolo fiume che attraversa l’abitato praiese, ma da prelievi eseguiti lungo il corso d’acqua o in corrispondenza proprio del suo sbocco in mare.
Nonostante tutti questi dati e tutti questi grafici abbiano bisogno di essere spiegati, come di seguito faremo, essi sono immediatamente suscettibili di alcune considerazioni introduttive che riteniamo, però, essenziali.
Le procedure complessivamente e periodicamente applicate dai tecnici dell’Agenzia Regionale per l’Ambiente seguono le direttive assai rigide e scrupolose impartite dallo stesso Ministero della Salute. Tali direttive sono finalizzate alla valutazione della gravità dei fenomeni inquinanti e ciò in vista, ovviamente, della tutela del benessere della comunità umana e del suo ambiente, in generale.
Seguendo tale criterio, le misurazioni devono essere sempre eseguite con il massimo scrupolo, e quando i valori inquinanti siano superati, come nel nostro caso, scattano alcuni criteri di giudizio riferiti alla valutazione delle acque di balneazione (sufficiente, buono, scarso), e quindi anche alcuni provvedimenti urgenti di salvaguardia della salute pubblica, come ad esempio, nel nostro caso, quello del divieto di fare il bagno in tutta la zona interessata, per evitare possibili danni alla salute.
Oltre a ciò, vengono soprattutto ritenuti obbligatori, e quindi necessariamente operativi, i provvedimenti più opportuni per la radicale eliminazione della causa inquinante, che devono essere eseguiti dall’Autorità amministrativa, fino alla completa risoluzione della situazione di crisi.
In questa prospettiva, si sottolinea il fatto che non bisogna confondere la distanza a cui la misurazione dell’inquinamento viene eseguita, con la più ampia portata dei provvedimenti cautelativi di interdizione, come, nel nostro caso, il “divieto di balneazione”.
Per capirci chiaramente, diciamo che, nel caso in questione, un inquinamento seppur grave e pericoloso rilevato in un punto determinato di un tratto di mare, obbliga all’interdizione di un’area di spiaggia estesa, al momento attuale, almeno 777 metri a sinistra, e circa 408 metri a destra della sua foce, nel caso probabile  che le acque di questo tratto vangano dichiarate di qualità “scarsa”, per un totale complessivo di oltre un chilometro.
Questo vuol dire soltanto una cosa: che di fronte a norme così restrittive, e giustamente severe quali quelle oggi in vigore in tema di salute e ambientale, tutta l’economia ormai soltanto turistica del territorio di Praia corre un pericolo serissimo, di fronte al quale questi problemi dovrebbero passare al primo posto della lista delle priorità, anche se essa fosse piuttosto lunga , perché questo, nell’insieme, minaccia seriamente, con un impatto importante, proprio il benessere della sua comunità.
Al contrario, una lunga abitudine alla disattenzione delle problematiche ambientali, forse una certa impreparazione, e la tendenza a percepire come più urgente “ben altro” nell’ambito di una ben radicata, comune cultura, tende a minimizzare se non a nascondere la loro portata, facendo fare un altro passo indietro ad una comunità umana che avrebbe tutte le risorse possibili per imporsi e vivere con grande decoro, e invece si ostina a sciuparsi e a perdere valore.
È proprio sulla base di queste valutazioni oggettive e indipendenti, e non certo sulla base di una posizione partigiana, oppure etichettabile strumentalmente anche come allarmistica, che Italia Nostra ha inteso redigere il presente documento, che si rivolge innanzitutto al buon senso di tutti.
 

Deduzioni e considerazioni

  1. Partiamo innanzitutto, è bene sottolinearlo, da un chiaro presupposto “strutturale”, secondo il quale, parlando di questa ricerca di fattori inquinanti , si tratta, nei due casi da essa considerati (escherichia coli ed enterococchi), di una ricerca di batteri normalmente presenti nel contenuto intestinale umano, batteri che svolgono un ruolo quasi sempre utile alla fisiologia dell’apparato

Enterococchi ed escherichie, infatti, insieme a numerose altre specie batteriche, fanno parte della cosiddetta popolazione “saprofitica” del nostro intestino, il “microbiota intestinale”, che ha anche nel suo insieme un peso considerevole e che ci accompagna, in genere a nostro vantaggio per tutta la vita, insieme a numerose altre specie batteriche (enterococchi, stafilococchi, salmonelle, vibrioni, protei, clostridi, altri  enterobatteri, eccetera), presentando un ruolo importante, decisivo, per l’equilibrio del nostro organismo.
Il fenomeno è dunque necessariamente da attribuire ad inquinamento fecale delle acque marine.
Essendo questo, per i valori assoluti che assume, un inquinamento di una certa importanza, esso è con tutta probabilità da attribuirsi alla presenza di alcuni scarichi abusivi che sversano nella Fiumarella.
Essi, certamente non sono stati tutti finora identificati ma sono, comunque, ancora presumibilmente presenti nella parte coperta del canale, e fanno affluire in questo, soprattutto nel periodo di maggior carico dei mesi primaverili ed estivi, acque nere che, dopo aver raccolto, in quel periodo, le più copiose deiezioni umane, non sono convogliate nel sistema fognario a cui tali scarichi dovrebbero afferire, creando in tal modo valori batterici critici lungo il corso del fiume e nello specchio d’acqua antistante il suo sbocco in mare proprio durante quei mesi.
Paragonando, adesso, l’andamento del fenomeno a quanto è avvenuto rispettivamente nel corso del corrente anno 2017 e dello scorso anno 2016, rileviamo più precisamente quanto segue:
 

  1. nel tratto posto alla sinistra dello sbocco, le curve costruite in base ai valori batterici rilevati in prosieguo di tempo, dimostrano, in generale, un andamento piuttosto simile nei due ultimi anni, e cioè un innalzamento progressivo dei valori durante i mesi della primavera/estate, con una caduta degli stessi dal mese di settembre in poi, ciò che conferma quanto anticipato al punto

Ma nel tratto posto alla destra dello sbocco, tali curve, nei due anni considerati, sono completamente diverse fra di loro, perché almeno nel corso dei mesi di giugno e luglio 2016, a differenza di quanto è accaduto l’anno seguente proprio in questo tratto, esse si mantengono su valori sorprendentemente bassi rispetto al 2017, per impennarsi, però, poi, improvvisamente, ma soltanto nei mesi di agosto e settembre dello stesso anno 2016.
Non possiamo dire con sicurezza a cosa ciò possa attribuirsi: possiamo pensare che questo particolare andamento del fenomeno nel 2016, più favorevole a destra piuttosto che a sinistra dello sbocco, possa essere stato causato dall’andamento capriccioso del canale nell’ultimo tratto libero del suo decorso che attraversa la spiaggia, o dal gioco delle correnti marine nelle giornate in cui i prelievi sono stati effettuati.
L’ARPACAL ha effettuato, ogni anno, i prelievi dei campioni di acqua marina sempre negli stessi giorni, generalmente alla fine della seconda oppure all’inizio o alla fine della terza decade di ogni mese, e da questo punto di vista un riscontro potrebbe anche essere facile, con l’aiuto degli opportuni controlli.
Ma pur apparendo, comunque, la cosa come una vistosa particolarità, essa, in definitiva, finisce solo con l’accentuare complessivamente lo scarto medio dei valori tra i due anni considerati, e quindi non altera, comunque, ma conferma nettamente il generale andamento negativo del fenomeno.

  • Osservando bene le curve relative ai due tipi di popolazione batterica, si nota che i valori, dopo un primo periodo di ascesa, tendono ad assumere un andamento “sinusoidale”, caratterizzato, cioè, da picchi e avvallamenti che sono significativi di un procedere periodico e ricorrente del

Tale andamento non è sempre “in fase”, vale a dire le due curve non seguono sempre un percorso uniforme e parallelo, ma presentano, soprattutto quest’anno, e soprattutto nei mesi di luglio e di agosto, su entrambi i lati dello sbocco in mare, alcuni significativi “contatti” e “scavalcamenti”.
A nostro parere, questo, nel suo insieme, dimostrerebbe soprattutto che i dati registrano puntualmente l’alternarsi ed il succedersi delle presenze a Praia degli ospiti stagionali durante i vari mesi estivi, laddove le due popolazioni batteriche sembrano anche in grado di resistere in modo diverso all’azione dell’acqua marina, potendo sopravvivere alle sue “difese” lungo un lasso di tempo variabile e non facilmente preventivabile, influenzando così la sfasatura delle curve.
Le due diverse popolazioni batteriche prese in considerazione, dunque, presentano, in tal modo, un “volano inerziale” di sopravvivenza che è funzione di numerosi fattori, molti dei quali ancora del tutto sconosciuti alla scienza, anche se il principale è sicuramente rappresentato dalla salinità dell’acqua del mare che rende critica
la pressione osmotica all’interno della membrana cellulare dei batteri, aumentando la densità del citoplasma e così causando prima un grave danno all’interno, e poi la stessa rottura della membrana cellulare, con conseguente lisi dei microrganismi.
Non sembri questa osservazione inutile o, nel migliore dei casi, soltanto accessoria, in quanto essa sta a significare che altre specie di microrganismi, quali alcune di quelle prima citate, non prese in esame dalla presente ricerca dell’Arpacal , potrebbero presentare, per le loro diverse caratteristiche biologiche, una
 resistenza maggiore nei confronti dell’ambiente marino, con una loro accentuata potenzialità lesiva, allora, nei
 confronti dell’uomo, causata da una loro maggiore virulenza e dalla maggior durata della loro presenza in acqua.
Del resto, l’ARPACAL è ben conscia della situazione. Tutto ciò spinge “Italia Nostra” nel caso specifico
 dell’inquinamento della “Fiumarella”, anche per la sua posizione centrale rispetto all’abitato di Praia a Mare, a non avere qualsivoglia cedimento ed a non accettare qualsiasi aggiustamento che non dia assoluta garanzia per la salute umana e per l’ambiente circostante, fino a quando la situazione del corso d’acqua non sarà completamente normalizzata con specifici e strutturali interventi di bonifica.
Tutto questo, comunque, non altera, ancora una volta, il significato complessivo dei fatti, ma anzi, poiché ci preoccupa, impone semmai ancor di più di seguirne lo svolgimento e di approfondirne meglio il senso, mentre ne conferma l’andamento e il significato complessivo di allarme di alto livello, come quello che è stato già delineato.

  1. Non è forse nemmeno il caso di sottolineare, infine, il fatto che durante i mesi autunnali e invernali il fenomeno, anche in assenza di altri prelievi, sembrerebbe ridursi, e questo conferma indirettamente, e forse ancora più chiaramente, le sue

 

Conclusioni

 

  1. Ricordando che, attualmente, solo alla parte di spiaggia posta a sinistra dello sbocco del canale Fiumarella, l’ARPACAL ha riservato finora un complessivo giudizio di “scarso”, mentre a destra di esso il giudizio è ancora quello di “sufficiente”; ma osservando anche che soprattutto sul lato destro dello sbocco la situazione è notevolmente peggiorata quest’anno rispetto all’anno scorso, come dimostra la brusca variazione dell’andamento delle curve nei grafici riferiti a questo lato, è facilmente ipotizzabile che anche su tale lato destro il giudizio possa presto

Questo vuol dire che, diventando, ora, quello di “scarso”, il giudizio presumibilmente riferibile a tutto il segmento di spiaggia interessato dall’inquinamento microbiologico causato dal canale Fiumarella, l’estensione in larghezza del segmento oggetto d’interdizione potrebbe essere presto anche più ampia, con la conseguenza che il “divieto di balneazione” potrà investire anche concessioni ed esercizi balneari che sono (o sarebbero) attualmente risparmiati dal divieto.

  1. Riteniamo che pur non intendendo indicare esplicitamente qualcuno in particolare come responsabile di una grave situazione, ostinandoci ad osservare una certa eleganza di giudizio, è però del tutto evidente che questa si è andata costituendo progressivamente nel tempo ed è peggiorata negli ultimi anni anche con accumulo di responsabilità almeno di una parte della nostra comunità

E ciò senza che le autorità preposte al controllo ed alla conduzione di tale comunità ne abbiano saputo consapevolmente considerare la crescente, notevole pericolosità, essendo impossibile ignorare che un problema di questa portata avrebbe dovuto già da tempo far saltare qualcuno sulla propria sedia.
È, però, anche semplice osservare che se il fenomeno non fosse risolto al più presto, il danno per la salute dell’uomo, per l’economia e per l’ambiente tutto della città peggiorerà ancora, potendosi considerare già adesso il divieto di fare il bagno proprio sul tratto di spiaggia immediatamente più centrale ed in vista e tra quelli più frequentati di Praia, come un vero e proprio sfregio alla sua integrità e alla sua bellezza, pessimo “biglietto da visita” alla portata di chiunque metta piede in essa.

  1. Risulta altrettanto chiara l’inefficacia, peraltro, dei lavori a cui accennavamo e che fino a questo momento abbiamo visto iniziati e non ancora conclusi, ma non ancora sufficienti, evidentemente, a risolvere un problema, e una necessità, dunque, valida per tutti, ma che pesa soprattutto su chi ha la possibilità e la capacità di

Il recente ulteriore impegno di spesa per € 100.000,00 da parte dell’Amministrazione Comunale, sperando che essi bastino a risolvere il problema, fa ben comprendere che questo è serio e non poteva che essere affrontato di petto e risolto alle radici, come Italia Nostra va sostenendo da molto tempo.
Del resto, che l’autorità civile cittadina non potesse che prendere atto della delicatezza e dell’urgenza del problema, appare chiaramente anche dal verbale del Consiglio Comunale, pubblicato in data 24 giugno 2017, in cui vengono esposte le linee programmatiche generali del mandato che è stato inaugurato da alcuni mesi.
In  esso,  alla  terzultima  voce  dell’elenco  dedicato  al  capitolo  “Ambiente  –  Territorio”,  si  può  leggere:
 “Salvaguardia e tutela delle acque della Fiumarella e del Canale Sottomarlane, di quelle depurate e del mare
 da ogni forma di inquinamento, anche per confermare l’ottenimento della Bandiera Blu”.
Per tutto quanto si è esposto, quindi, dobbiamo augurarci che l’Autorità comunale possa riuscire nel più breve tempo possibile a rimuovere ogni difficoltà che si è venuta a creare per l’equilibrio dell’ambiente e per la salute dell’uomo, oltre che per la stessa economia cittadina, procedendo nel modo più efficace, definitivo e completo possibile.
 
Italia Nostra, Sezione Alto tirreno Cosentino