Pittella ai domiciliari: ecco cosa ne pensa Vincenzo Castellano, assessore a Latronico

Casetallano ha la delega all' Ambiente, Ciclo dei rifiuti, Politiche energetiche, Politiche giovanili, Innovazione, Affari generali. Nella foto, Marcello Pittella

0

Tutti avrete letto oggi la gravissima notizia dell’arresto del Presidente della Regione Marcello Pittella, con l’accusa di concorso in falso e abuso d’ufficio in un’inchiesta su raccomandazioni nelle nomine e manipolazione di concorsi nel sistema sanitario regionale.
Tra chi esulta e chi ne prende le difese addirittura dipingendolo come una vittima (si, di sé stesso!) io mi limito a dire, da lucano, che in realtà questa notizia non è per niente nuova: tutti conoscono e sanno come funzionano le cose dalle nostre parti e sanno che senza “il calcio” non si va da nessuna parte.

 

Pertanto le accuse della Procura della Guardia di Finanza rivolte al Presidente (viene definito “deus ex machina di questa distorsione istituzionale”, e descritto come soggetto “che influenza le scelte gestionali delle aziende sanitarie e ospedaliere interfacciandosi direttamente con i direttori generali che sono stati nominati con validità triennale dalla sua giunta“) per qualunque lucano che ha superato i 18 anni SONO SOLO IL SIGILLO UFFICIALE A QUALCOSA CHE TUTTI SAPEVANO.

In foto, Vincenzo Castellano

Sia chiaro io non voglio sminuire la cosa, anzi nei miei comizi e nei miei discorsi ho attaccato duramente questi meccanismi politici messi in atto dalla parte politica dominante negli ultimi 50 anni in Basilicata. Ho avuto il coraggio di dirlo e lo rifarei!

Perciò per quanto mi riguarda la ricandidatura a Presidente dovrebbe essere un miraggio per Pittella. E anche il Gip la pensa allo stesso modo definendo la sua ricandidatura un’azione “che continuerà a garantire i suoi favori e imporre i suoi ‘placet‘ ai suoi accoliti pur di consolidare il suo bacino clientelare, potendo contare su appoggi locali, in uno scambio di utilità vicendevoli”. ESATTAMENTE QUELLO CHE I FESSI COME ME DICONO DA SEMPRE!

L’aspetto drammatico della vicenda, comunque vada a finire, è che ora più che mai i cittadini e soprattutto i giovani sono schifati e si allontanano dalla Politica, disinteressandosi delle loro comunità e cercando altro lontano dalla propria terra.

Il problema è che lo vanno a cercare anche fuori dall’Italia, “condannandosi” a non tornare più. Ed intanto i paesi si spopolano e la popolazione inesorabilmente invecchia…

Quello di cui questi politicanti ed i loro feudatari locali non si rendono conto è il danno che hanno arrecato: STANNO AMMAZZANDO NELLA CULLA L’ENTUSIASMO DEI GIOVANI PUNTANDO SOLO AD INGRASSARE LE PROPRIE CERCHIE DI POTERE DISTRUGGENDO IL FUTURO DELLA BASILICATA.

Il futuro è dei giovani e chi non se ne rende conto è destinato a perire… sarà banale ma è così…

CHE TRISTEZZA.

Vincenzo Castellano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here