Famiglia Acri-Olivo, ieri i funerali a Rossano dopo l'autopsia sui loro corpi - la Lince >
Home Dalla Calabria Famiglia Acri-Olivo, ieri i funerali a Rossano dopo l’autopsia sui loro corpi

Famiglia Acri-Olivo, ieri i funerali a Rossano dopo l’autopsia sui loro corpi

Stanislao Acri, Daria Olivo e il piccolo Pier Emilio a giugno scorso nel giorno del Battesimo del loro figlioletto, all'uscita dalla parrocchia dove ieri sono stati celebrati i loro funerali

0
Famiglia Acri-Olivo, ieri i funerali a Rossano dopo l'autopsia sui loro corpi

Un mare di persone si è riunito ieri nella Parrocchia Maria Madre della Chiesa allo Scalo di Rossano Scalo per dare l’ultimo saluto alla famiglia Acri-Olivo (composta da Stanislao Acri, Daria Olivo e il piccolo Pier Emilio di solo 6 mesi) distrutta domenica scorsa in un disastroso incidente avvenuto lungo la corsia sud dell’A1, nel tratto che attraversa il Frusinate tra i caselli di Ceprano e Pontecorvo, all’altezza del Comune del di Roccasecca (Frosinone). Il funerale è avvenuto nella stessa parrocchia dove a giugno scorso il piccolo Pier Emilio aveva ricevuto il sacramento del Battesimo. L’autopsia sui loro corpi è stata effettuata giorno 27 luglio 2018 e noi abbiamo raccolto le testimonianze della stampa locale che ne ha raccontato i dettagli qualche ora prima del rito funebre

 

(FONTE: CIOCIARIA OGGI) Per il piccolo e la mamma solo un esame esterno, così come disposto dalla procura. Oltre quattro ore di autopsia per il papà, Stanislao Acri. Così, grazie al nulla osta del dottor De Franco, le salme sono state ricondotte a casa, a Rossano Calabro, per i funerali dove l’intera comunità li attende per l’ultimo saluto. Anche l’arcivescovo Giuseppe Satriano ha espresso, a nome dell’intera chiesa diocesana, il sincero e sentito cordoglio per la improvvisa e tragica scomparsa di Stanislao Acri, Daria Olivo e del loro piccolo di sei mesi: una famiglia distrutta in pochi minuti nel tragico incidente avvenuto domenica in A1 in territorio di Roccasecca.

«Una tragedia che riempie di dolore il cuore di ciascuno di noi ha aggiunto monsignor Satriano. In questo momento di profonda commozione e umana partecipazione, la diocesi di Rossano Cariati, si stringe ai familiari». Intanto, vanno avanti le indagini della procura: dopo il sequestro dei cellulari della vittima e del conducente del furgone (originario di Cuneo e indagato per omicidio stradale) sono state disposte alcune consulenze per chiarire la dinamica.

(FONTE: RADIO CASSINO STEREO) – Mentre sul corpo di Daria Stella Olivo e del figlio Pier Emilio di sei mesi l’esame del medico legale dottor De Franco si è limitato ad una ricognizione esterna, quello sul capo famiglia, Stanislao Acri, avvocato e candidato sindaco nel suo paese, il magistrato ha richiesto un approfondimento completo.L’obiettivo del magistrato è quello di capire fino in fondo quali cause possano esserci all’origine della collisione tra la macchina della famiglia Acri ed il furgone che li precedeva.

Non a caso ha disposto anche il sequestro dei telefono cellulari di entrambi gli autisti ed ha indagato, come atto dovuto, l’autista del furgone per omicidio stradale.

In sostanza, con l’esame autoptico e dei tabulati telefonici, si vuole eventualmente escludere il malore e la distrazione da telefonino tra le cause del tragico sinistro.

La famiglia Acri si era recata a Roma per una visita medica sulle condizioni di salute del figlio che avevano dato un buon esito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Shares