151 views

Aggressione ai giornalisti, la proposta di Antonio Crispino per contrastare il fenomeno

Aggressione ai giornalisti, la proposta di Antonio Crispino per contrastare il fenomeno

(Nella foto, Antonio Crispino. Fonte foto: dal web)

 

Quello che è accaduto a Daniele Piervincenzi a Ostia è esattamente ciò che accade in ogni angolo di Italia, ogni giorni, ai giornalisti di strada. Solo che i più non lavorano per la tv di Stato e pertanto aggressioni più o meno gravi passano del tutto inosservate, inasprite da quegli stipendi da fame e senza contratto, e magari dalle spese legale da accollarsi quando gli editori se ne lavano le mani. Motivo per cui molto spesso si rinuncia ad avere giustizia. E non chiama nemmeno Piero Grasso per mostrarti vicinanza, magari ti chiamano amici e famigliari per dirti che è pericoloso e devi smettere, come ti hanno sempre detto, e che magari te la sei pure andata a cercare.

Ma chi questo lavoro lo fa e conosce la sua insostituibile funzione sociale, non è affatto d’accordo al rinunciarvi. Anzi, c’è chi rimurgina su certe episodi, perché forse c’è già passato o passato o perché immagina che domani possa capita a lui, e avanza qualche proposta per provare a contrastare il fenomeno.

Tra le tante lette sul web nelle scorse ore dopo i fatti di Ostia, quella di Antonio Crispino, pluripremiato collaboratore de Il Corriere della Sera e cronista di razza, sembra convincere più di tutte. «Da tempo sostengo che si deve equiparare il giornalista a un pubblico ufficiale e estendere la tutela dell’art 337 del codice penale a chi viene aggredito applicando pene fino a cinque anni – dichiara il giornalista napoletano -. Se non esattamente così (per cavilli che solo i burocrati saprebbero trovare) allora qualcosa di molto simile. Sarebbe un atto di coraggio, una testimonianza forte che si vuole impedire questo schifo e garantire il diritto all’informazione del cittadino. Tutto il resto sono chiacchiere, passa il tempo e la gente si abitua a noi che veniamo menati, quasi fossimo dei bambolotti di plastica, parte dello show».

E in ultimo: «Il collega di Nemo è stato fortunato, perché era in compagnia del cameraman, gli è servito per sviare l’attenzione su di sé. Immaginate cosa sarebbe successo se fosse andato lì da solo. E in tanti ci vanno».

Cosa dobbiamo ancora aspettare prima di tutelare una volta e per tutte la categoria?

Clicca qui per seguire la pagina facebook La Lince e rimanere sempre aggiornato

Commenti

Francesca Lagatta

Francesca Lagatta

Video reporter, blogger e giornalista calabrese, in passato ha lavorato anche in tv. Attualmente si occupa di cronaca e di inchiesta per il web e la carta stampata. E' addetta stampa e inviata di Rete l'Abuso, l'osservatorio internazionale di reati commessi in ambito clericale.

More Posts - Website