806 views

Cetraro, tutti assolti nel processo Emiliana Tessile: il commento dell’ex imputato Franco Mazza

Cetraro, tutti assolti nel processo Emiliana Tessile: il commento dell’ex imputato Franco Mazza

Quattordici anni per mettere fine alla contorta vicenda Emiliana Tessile di Cetraro, che si conclude con l’assoluzione anche in Corte d’Appello degli imprenditori Fausto Aquino e Pietro Citrigno dall’accusa di estorsione nei confronti di Angelo Marani. Secondo il quadro accusatorio i due, che di lì a poco sarebbero diventati editori del quotidiano calabrese Calabria Ora, avevano costretto il proprietario dell’azienda a svendere l’azienda realizzata a Cetraro con la complicità dell’ex sindacalista della CGIL Franco Mazza. I giudici di Catanzaro hanno assolto anche lui. Ecco cosa ha dichiarato subito dopo la fine dell’incubo alla nostra redazione.

“Ho sempre avuto fiducia nell’operato della giustizia e dopo otto lunghi anni, finalmente, con la sentenza d’appello per la vicenda della Ex Emiliana Tessile è stata ristabilita la verità.

Ho sempre cercato nella mia lunga militanza sindacale di difendere, anche talvolta in solitudine, i diritti dei lavoratori e – in particolare nella vertenza della Ex Emiliana Tessile di Cetraro – di farlo nonostante in tutti i passaggi fatti allora fossero coinvolti tutti i livelli istituzionali Comune, Provincia, Regione, Presidenza del Consiglio dei Ministri nonché le Organizzazioni Sindacali Nazionali, Regionali e Territoriali.

Anziché indagare sui soggetti che avevano un ruolo attivo in tutti gli atti, si è voluto colpire un dirigente sindacale la cui unica colpa era quella di essere sempre in prima linea nel tutelare gli interessi della propria rappresentanza.

Ho taciuto in tutti questi lunghi anni per il rispetto che nutro nei confronti delle persone che hanno continuato a seguirmi nella mia nuova esperienza sindacale; a loro, alla mia famiglia, agli avvocati Francesco Scrivano e Francesco Perre va il mio più caro e affettuoso ringraziamento.

Sono passato come quello che si era venduto ai padroni senza analizzare mai la crisi che avrebbe investito di lì a poco tutto il comparto tessile portando alla chiusura di grandi fabbriche come la Marlane di Praia a Mare e il Polo Tessile di Castrovillari causando purtroppo la perdita di migliaia di posti di lavoro nel silenzio della politica e delle istituzioni.

Abbiamo occupato strade e ferrovie, abbiamo messo in atto tutte le iniziative che un sindacato ha il potere di fare senza che né le istituzioni né il sindacato nazionale contribuissero alla soluzione della vertenza; basti pensare alla paradossale vicenda della Marlane di Praia a Mare in riferimento alla quale la sera prima si concordò una linea e il giorno dopo – in sede alla Presidenza del Consiglio – venne modificata totalmente.

Che rabbia oggi vedere quei dirigenti sindacali di allora ora Ministro o Sottosegretario della Repubblica; evidentemente già da allora avevano come unico pensiero la carriera politica. La vicenda della Emiliana Tessile è stata usata, nei miei riguardi, come strumento per distruggere l’avversario; in tanti hanno fatto carriera sia nel sindacato sia nella politica. Dirigenti sindacali che si trovano a ricoprire ora ruoli di primissimo piano non per loro capacità ma solo per aver sfruttato l’occasione di penalizzare l’operato altrui.

Anche nel mio territorio hanno voluto strumentalizzare tale vicenda al solo scopo di condizionare il mio lavoro; mi auguro che lo stesso impegno messo su di me la magistratura lo possa indirizzare verso tutti quei soggetti che utilizzano la politica solo ed esclusivamente per interessi personali: soggetti che gestiscono questo territorio da oltre un trentennio passando il testimone da padre in figlio, attraverso incarichi e progetti, soggetti che utilizzano ambienti ambigui per costruire il consenso elettorale o soggetti che usano la legalità come baluardo di pura facciata.

È vero, forse qualche errore sulla vicenda della Emiliana Tessile l’ho anche commesso: dovevo prestare più attenzione quando l’imprenditore Angelo Marano in una riunione pose la condizione di licenziare qualche lavoratore e qualche assessore di allora accettò immediatamente; io invece mi ribellai a tale richiesta perché era mio dovere difendere tutti i lavoratori.

Ciò che più mi ha amareggiato in questi anni sono state le critiche rivoltemi da coloro i quali insieme a me questa
vicenda l’avevano vissuta e insieme a me erano presenti in tutte le trattative: proprio loro – la maggioranza dei lavoratori e gli amministratori del tempo – appena iniziò l’indagine scomparvero insieme a coloro i quali ai tavoli istituzionali si impegnavano con i nuovi imprenditori al cambio di destinazione d’uso del terreno della fabbrica o a qualche sindaco di allora che cedette a titolo gratuito il terreno della fabbrica a Marano.

Per me, per gli amici veri, per i tanti lavoratori e lavoratrici che mi hanno seguito nella mia nuova esperienza sindacale non c’era bisogno di questa sentenza perché anche in questi anni mi hanno dimostrato, con il loro affetto e il loro consenso, che la fiducia e la stima nei miei confronti non era mutata.

Franco Mazza”.

È doveroso ricordare come la sentenza regali un risvolto positivo anche per l’intera città di Cetraro. Difatti l’assoluzione consentirà al Comune guidato dal sindaco Angelo Aita di proporsi per l’acquisto vantaggioso dello stabile attualmente concesso ad uso gratuito.

Commenti

Francesca Lagatta

Francesca Lagatta

Video reporter, blogger e giornalista calabrese, in passato ha lavorato anche in tv. Attualmente si occupa di cronaca e di inchiesta per il web e la carta stampata. E' addetta stampa e inviata di Rete l'Abuso, l'osservatorio internazionale di reati commessi in ambito clericale.

More Posts - Website