1.524 views

«Ex Valle Lao, prelevato oltre 1 mln dal fondo per la forestazione»: la denuncia contenuta in una lettera

«Ex Valle Lao, prelevato oltre 1 mln dal fondo per la forestazione»: la denuncia contenuta in una lettera

«Cambia il direttore d’orchestra ma da tempo al Consorzio di Bonifica ex Valle Lao la musica è sempre la stessa. Se da un lato il nuovo commissario Marsio Bilotta ha dato sollievo alle tasche delle famiglie dei dipendenti consortili, dall’altro ha inferto l’ennesimo colpo a quelle dei forestali in servizio presso l’ente, gestiti dallo stesso ma a tutti gli effetti dipendenti della Regione Calabria». Comincia così una lettera che è stata indirizzata nelle scorse settimane al Presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, al consigliere regionale delegato all’agricoltura, Mauro D’Acri e, come si evince dal documento stesso, a diversi altri organi preposti.

 

La missiva fa riferimento alla storia infinita e controversa che vede suo malgrado protagonista l’ex Valle Lao di Scalea, oggi ribattezzato Consorzio di bonifica integrale dei bacini del Tirreno Cosentino, e che, tra le tante problematiche, vede contrapposti da un lato gli oltre 50 dipendenti a tempo indeterminato dell’ente consortile, lasciati senza stipendio per mesi, dall’altra i forestali, a tutti gli effetti dipendenti della Regione Calabria ma integrati nel consorzio e gestiti dallo stesso.

«Dopo mesi di polemiche, proteste e scioperi – è scritto ancora nella lettera -, gli stipendi arretrati degli operai consortili, infatti, sono stati pagati attingendo al Tfr dei lavoratori forestali per 505mila euro. La notizia è contenuta nella deliberazione commissariale n° 2 del 21 marzo 2018». Questo, in sostanza, è la denuncia contenuta nella lettera, che noi pubblicheremo integralmente, allegando la documentazione citata.

Ma prima di mostrarvela è doverosa una precisazione. Le entrate dell’ente, che carte alla mano si aggirano sui 700mila euro annui, sono pressoché la metà rispetto alle spese e alle uscite, e attingendo dal tfr degli operai forestali, come può pensare l’ente di “prendere in prestito” tali somme e restituirle ai “legittimi proprietari”? Di fatto, ci si chiede: al momento della cessazione del rapporto del lavoro, i dipendenti della Regione Calabria integrati nel consorzio per le ormai note disposizioni, potranno ancora usufruire di un loro diritto e dei loro sacrifici o dovranno, come sempre accade a queste latitudini, chiedere il favore per godersi i meritati frutti del proprio lavoro? Ed, inoltre, pur avendo il commissario poteri straordinari, è lecito che si utilizzino più del 3,5% (limite imposto per legge) delle risorse destinate alla forestazione per il pagamento della mano d’opera dei consorzi di bonifica? Ancora, qual è il ero stato economico dell’ente? Ma, soprattutto, perché tutti sanno e nessuno interviene?

Di seguito la dettagliata documentazione.

 

  • Lettera di denuncia inviata agli organi preposti

 

 

  •  Copia delibera commissariale n°5 del 31 agosto 2017

 

 

 

  • Copia nota 7422 del 5 dicembre 2017 a firma del commissario straordinario dott. Celiberto

 

 

 

  • Copia delibera commissariale n° 2 del 21 marzo 2018

Commenti

Francesca Lagatta

Francesca Lagatta

Video reporter, blogger e giornalista calabrese, in passato ha lavorato anche in tv. Attualmente si occupa di cronaca e di inchiesta per il web e la carta stampata. E' addetta stampa e inviata di Rete l'Abuso, l'osservatorio internazionale di reati commessi in ambito clericale.

More Posts - Website