795 views

Il fantastico mondo del potere politico dei Comuni raccontato negli albi pretori on line

Il fantastico mondo del potere politico dei Comuni raccontato negli albi pretori on line

(La foto è puramente indicativa. Fonte foto: dal web)

I Comuni sono di per sé piccoli e insidiosi luoghi di potere, da Reggio Calabria a Trento, tanto più se, come accade spesso, qualche spavaldo bontempone gode (non si sa fino a quando) della copertura ci certe istituzioni.

Per la maggior parte degli amministratori il fine ultimo della loro “missione” è il mantenimento del potere stesso. Se ne frega dei latitanti nelle case vacanza (che spesso tornano utili durante le campagne elettorali), dell’inquinamento e di molto altro. Per questo problemi che in altri luoghi sembrano bazzeccole, altrove sono piaghe sociali annose e insormontabili.

Per intenderci, se il capobastone di un clan camorristico assicura una trentina di voti a ogni tornata elettorale, quale bramoso candidato ha il coraggio di spodestarlo? Nessuno. Ecco, appunto.

Ma torniamo al mantenimento del potere. Solitamente per un’amministrazione comunale è fondamentale mantenere buoni rapporti con la chiesa e per questo ogni tanto deve elargire contributi. Anche se è «Libera Chiesa in libero Stato». Ma se un’amministrazione comunale si mette contro il clero, è peggio che mettersi contro la magistratura. E questa è una legge universale.

Poi chiaramente, è necessario dare soldi alle associazioni,meglio se sono un più del dovuto, comprare materiale dall’amico  gonfiando le fatture, finanziare progetti alla persone giuste e, cosa fondamentale, affidare i lavori alle ditte possibilmente in odor di mafia. Perché il marciapiede sì, accontenterà pure il cittadino medio, ma l’affiliazione mafiosa e il servilismo nei confronti degli affini, in termini di voti e consenso fruttano decisamente di più.

Chiaramente ci si riferisce solo ai a casi specifici e ben delineati. E anche abbastanza noti. Tutte le amministrazioni hanno il dovere, anzi l’obbligo, di dare dei contributi e svolgere i lavori di manutenzione cittadina, oppure decidere liberamente di supportare una iniziativa parrocchiale, che non affatto vietato, e non per questo le si può accusare di collusione, corruzione o servilismo.

Ma nei vostri Comuni che succede? Se andate nel sito e vi collegherete all’albo pretorio, l’apposito spazio presso il quale le pubbliche amministrazioni italiane affiggono per legge notizie ed avvisi di interesse pubblico per la collettività, scoprirete cose che definire dell’altro mondo è un eufenismo.

Migliaia e migliaia di euro corrisposti sempre alle stese persone, e per lo più per cavolate, indagini, rinvii a giudizio, rimborsi illeciti, bandi mai pubblicizzati, assunzioni inspiegabili, illeciti e via dicendo.

Non ci credete? Bene, allora provate. Scoprirete che la trasparenza il più delle volte è un mero concetto astratto e privo di significato.

Clicca qui per seguire la pagina facebook La Lince e rimanere sempre aggiornato

Commenti

Francesca Lagatta

Francesca Lagatta

Video reporter, blogger e giornalista calabrese, in passato ha lavorato anche in tv. Attualmente si occupa di cronaca e di inchiesta per il web e la carta stampata. E' addetta stampa e inviata di Rete l'Abuso, l'osservatorio internazionale di reati commessi in ambito clericale.

More Posts - Website