Giornalisti minacciati, rapporto nazionale 2017: c'è anche la praiese Francesca Lagatta

0
Giornalisti minacciati, rapporto nazionale 2017: c'è anche la praiese Francesca Lagatta

(Francesca Lagatta, alle spalle l’isola Dino nella città di Praia a Mare, sua città natale)
(Dati: Ossigeno per l’Informazione)
L’ultimo aggiornamento è datato 21 luglio 2017. Dal 2006 ad oggi i giornalisti che sono stati minacciati con insulti, aggressioni, querele intimidatorie o intimidazioni ancora più esplicite, secondo le statistiche di Ossigeno per l’informazione, l’osservatorio promosso da FNSI e OdG sui cronisti minacciati e sulle notizie oscurate, sono 3266. Anche se pare siano almeno dieci volte di più, se si considerano gli episodi che non sono stati denunciati.
Nell’inquietante classifica, che potrete consultare cliccando qui e che annovera, loro malgrado, Tommaso Cerno (l’Espresso), Emiliano Fittipaldi (L’Espresso) e Nello Trocchia (Nemo, Rai 2), entrano anche le giornaliste calabresi Francesca Lagatta, originaria di Praia a Mare (Cs) e direttrice responsabile della redazione La Lince, Alessia Truzzolillo, che vive e lavora a Lamezia Terme per il Corriere della Calabria,  e Gabriella Passariello, redattrice di Zoom24.it. Nella classifica c’è anche l’irriverente Gabriele Carchidi, direttore di Iacchite’.
La giornalista Francesca Lagatta, che si occupa prevalentemente di cronaca e inchiesta (politica, ambiente, ‘ndrangheta, massoneria, sanità e pedofilia clericale), nel corso della sua carriera è stata ripetutamente minacciata e raggiunta da querele intimidatorie, l’ultima tre giorni fa, oltre a vantare, si fa per dire, un vero e proprio “agguato” risalente al novembre del 2012, in cui ignoti le distrussero l’auto frantumando i vetri con grossi massi e squarciando tutte e quattro le ruote. Ma l’episodio che l’ha catapultata di diritto nel lungo e increscioso elenco dei giornalisti sotto tiro, è la lettera contenente insulti, minacce e offese, di carattere professionale e privato, diffusa nel gennaio scorso nella cittadina di Verbicaro, a detta del sindaco Francesco Silvestri “non violenta”, contrariando il parere della cronista, querelata dallo stesso Silvestri qualche ora fa per un articolo in cui si stigmatizzava un ulteriore un atto intimidatorio accorso nella cittadina a danno di un cittadino. La lettera venne fotocopiata e diffusa in ogni angolo di Verbicaro a nome dei soci della Bcc di Verbicaro, la banca di cui Lagatta quasi un anno prima rivelò le indagini, confermate ben due volte dal Tribunale di Paola nel processo per diffamazione in cui i dirigenti l’avevano trascinata nonostante la veridicità delle notizie. Allora non arrivò mai la smentita dei soci della banca, né la solidarietà alla giornalista. Nessuno in paese, fatta eccezione per qualche singolo cittadino, prese le distanze dall’episodio, neppure l’amministrazione comunale o il sindaco, cugino in primo grado del presidente dell’istituto bancario.
I DATI CONTENUTI NELLA TABELLA (Fonte: Ossigeno per l’Informazione). Nei primi 202 giorni del 2017 Ossigeno ha documentato minacce a 188 giornalisti. Inoltre ha reso note minacce ad altri 51 giornalisti per episodi degli anni precedenti conosciuti dall’Osservatorio solo adesso. Gli episodi sono enumerati cronologicamente in questa Tabella. Cliccando sui nomi si possono leggere le notizie sul caso pubblicate da Ossigeno. Per ogni caso l’Osservatorio aggiunge il numero dei giornalisti minacciati al Contatore che è pubblicato in homepage insieme alla cartina che indica la distribuzione degli episodi Regione per Regione. Il Contatore indica sia il numero dei giornalisti che hanno subito intimidazioni nell’anno in corso sia il totale registrato dall’Osservatorio dal 2006 a oggi. Dal 1 gennaio 2017 il Contatore ha avuto un incremento di 239 unità e il totale ha raggiunto quota 3324. Secondo le stime di Ossigeno esposte nel Rapporto 2011, dietro ogni intimidazione documentata dall’Osservatorio almeno altre dieci restano ignote perché le vittime non hanno la forza di renderle pubbliche.

Clicca qui per seguire la pagina facebook La Lince e rimanere sempre aggiornato