348 views

Conversazione tra madre e figlia di 4 anni: ‘Tuo fratello ha un piccolo guasto al cervello’

Conversazione tra madre e figlia di 4 anni: ‘Tuo fratello ha un piccolo guasto al cervello’

(Fonte foto: dal web) Clicca qui per mettere mi piace alla pagina facebook della redazione La Lince e rimanere sempre aggiornato -“Ci si corica nel letto e… : – “Mamma, perche’ mio fratello non cammina??” – Eh… – “Ehm…vedi Viola, hai presente quando…il computer, ecco, il computer non funziona bene e si blocca e fa qualche cosa ma non tutto e tu mi dici che HA UN PICCOLO GUASTO?” – “Sí!” – “Ecco. Il cervello…

Leggi..
1.451 views

Malasanità | Quando la goccia scava la pietra, la struggente storia di Alessandra Bellè e la sua battaglia per la giustizia

Malasanità | Quando la goccia scava la pietra, la struggente storia di Alessandra Bellè e la sua battaglia per la giustizia

(Alessandra Bellé dopo l’operazione) Clicca qui per mettere mi piace alla pagina facebook della redazione La Lince e rimanere sempre aggiornato Il video che spiega la vicenda commentato dalla stessa Alessandra  Alessandra Bellè è una donna bellissima. Ha occhi da cerbiatta, 1,85 di altezza e un sorriso che incanta. Se non avesse scelto di intraprendere la carriera in una società satellite di una delle più note e prestigiose catene alberghiere al mondo, avrebbe tranquillamente potuto fare la…

Leggi..
11.249 views

Praia a Mare (Cs) | La storia del miracoloso salvataggio in mare, sette anni dopo: ‘Fu la Madonna della Grotta a salvarci’

Praia a Mare (Cs) | La storia del miracoloso salvataggio in mare, sette anni dopo: ‘Fu la Madonna della Grotta a salvarci’

(Fonte foto: dal web) Clicca qui per mettere mi piace alla pagina facebook della redazione La Lince e rimanere sempre aggiornato Maratea, 17 agosto 2010. Le strade e i locali sono affollati di giorni di e di notte, mentre nell’aria si comincia a respirare la malinconia per gli ultimi scampoli di vacanza, tra il sole che ora picchia un po’ di meno e gli immutati panorami mozzafiato del Golfo di Policastro. Francesco Tufo e Biagio…

Leggi..
951 views

LAVORO E MATERNITÀ / L’Italia non è un Paese per donne, la storia di Rosella Gabrielli

LAVORO E MATERNITÀ / L’Italia non è un Paese per donne, la storia di Rosella Gabrielli

Pubblicato su La Spia Press No, non lo è. Almeno per quanto riguarda l’ambito lavorativo. Tanto più se sono giovani e con in mente il sogno di metter su famiglia. Le gravidanze, infatti, sono ancora considerate dai datori di lavoro come un ostacolo, quasi un incidente di percorso, che dovrebbe essere accuratamente evitato. Pena, il licenziamento. E sebbene il governo, negli ultimi anni, spinto da proteste cittadine e sindacali, sia riuscito ad ottenere una maggiore…

Leggi..
143 views

Inenarrabile odissea per zia Fifina, la 92enne non riesce a tornare a casa sua

Inenarrabile odissea per zia Fifina, la 92enne non riesce a tornare a casa sua

(Nella foto, zia Fifina) Serafina non ce la fa più. Piange e ha smesso di sperare. Serafina ha 93 anni, la salute precaria e la paura di andarsene senza aver visto le mura della sua casa. O che la rabbia di non poterci tornare la faccia andare via prima del dovuto. Zia Fifina, così la chiama affettuosamente ormai il popolo del web, è fuori da casa sua da ben 17 anni, prima perché gliel’ha distrutta…

Leggi..
677 views

BAVAGLIO ALL’INFORMAZIONE/ Quando il sistema silenzia il giornalista scomodo: la storia di Agostino Pantano

BAVAGLIO ALL’INFORMAZIONE/ Quando il sistema silenzia il giornalista scomodo: la storia di Agostino Pantano

Pubblicato su La Spia Press Senza soldi e strani processi, così il sistema esilia i giornalisti. Agostino Pantano è un giornalista che vive nella Piana di Gioia Tauro, uno di quelli che lotta contro il malaffare scrivendo i nomi e i cognomi della gente che spesso si vede passare davanti. Uno di quelli abituati a convivere con le minacce. Ma per l’editoria bruzia, evidentemente, questo non basta. Per lui l’esilio forzato dal lavoro è cominciato quasi un…

Leggi..
819 views

CHIESA E ABUSI / Augusta, molestata da prete, esiliata e aggredita dai suoi concittadini

CHIESA E ABUSI / Augusta, molestata da prete, esiliata e aggredita dai suoi concittadini

«Sei una puttana» è probabilmente l’insulto meno offensivo che abbia ricevuto, sicuramente meno umiliante di chi l’ha cacciata via dal proprio negozio, come se avesse la peste. Per gli abitanti di Augusta (Sr), Mary (nome di fantasia) è una puttana perché ha provocato Gaetano Incardona, all’epoca dei fatti arciprete della basilica siracusana. E’ colpa sua se in un pomeriggio del febbraio di quasi due anni fa don Gaetano non ci ha visto più e anziché confessarla…

Leggi..
1.168 views

CAMPIONI / La storia di Sergio Ignoto, dal letto d’ospedale agli europei di Sitting Volley

CAMPIONI / La storia di Sergio Ignoto, dal letto d’ospedale agli europei di Sitting Volley

Pubblicato su Notia Il giovane era rimasto vittima di un grave incidente sul lavoro Sergio Ignoto è il sesto di sette fratelli, cresce nella cittadina di Praia a Mare (Cs) dove rimane fino a 20 anni, quando, improvvisamente, decide di seguire la sua famiglia che qualche mese prima si era trasferita a Buonabitacolo, cittadina campana della provincia di Salerno. Sergio, numero imprecisato di fidanzate, ha sempre il sorriso, nonostante la vita con lui non sia…

Leggi..
2.973 views

PEDOFILIA / L’agghiacciante storia di Diego Esposito, una delle vittime di don Mura

PEDOFILIA / L’agghiacciante storia di Diego Esposito, una delle vittime di don Mura

Pubblicato su Identità Insorgenti Il parroco da cui ha subito gli abusi era il suo insegnante di religione Diego Esposito non ha più paura di affrontare i fantasmi del suo passato. Che poi non sono affatto fantasmi, ma abusi reali, subiti quando era poco più di un bambino. Ne parla come se quello strazio avesse squarciato l’anima di qualcuno altro. In verità, spiega lui, dai danni causati dagli abusi sessuali non si guarisce mai, ma far…

Leggi..
2.569 views

UN NESSUNO QUALUNQUE / Sono Simone, sono disabile e non ho amici che contano

UN NESSUNO QUALUNQUE / Sono Simone, sono disabile e non ho amici che contano

Essere “nessuno” in Italia ti rende vittima due volte Quella che sto per raccontarvi è una storia triste. Non solo perché è la storia di un ragazzo allettato che vive attaccato ai macchinari per la respirazione, ma perché è la dimostrazione di quanto i nostri occhi siano profondamente accecati e le nostre coscienze inaridite. Per Chiara Bonanno, mamma di Simone, il protagonista della vicenda, due giorni fa è stato il giorno più emozionante della sua…

Leggi..
1 2